La svolta, la pandemia tra il prima e il dopo

Books, Reading, Pages, Textbooks, Words, Reading Book

La vita volta pagina senza attendere che abbiamo finito di leggerla. È il suo modo per comunicarci che il tempo della nostra volontà ha dei confini, ignoti e spesso inattesi nel momento in cui si presentano.

Ed una pagina segue un’altra.

Rimane spesso il dubbio se quel voltare pagina sia frutto di una volontà oppure una fatalità, alla stregua di un quadro che a un certo momento brannnnnng cade dal muro a cui era rimasto appeso per decenni (naturalmente l’immagine è una citazione da Baricco).

La pagina che abbiamo lasciato da un paio di mesi ha il titolo – ora che siamo andati oltre ne conosciamo il titolo – Prima della pandemia, mentre della pagina che ci troviamo a scrivere e leggere ancora non abbiamo una sintesi che ne possa fare da titolo.

Ciò che voglio qui esplorare, di quel voltare pagina, è esattamente il voltare, quello spazio sospeso tra il prima e il dopo attraverso cui si passa da una pagina alla successiva.

In quello spazio, la pagina precedente si fa minima, perde di consistenza per consentire l’arrivo della pagina successiva, eppure rimane scolpita, nel trapassare, nei suoi tratti essenziali. 

A sua volta, la nuova pagina, in arrivo, è minima nel suo prendere consistenza: di essa c’è quel tanto che basta per annunciarsi come dopo.

Ecco, noi stiamo vivendo, nel fine aprile 2020, quel tipo di svolta da Prima della pandemia a Dopo.

Alcuni potrebbero sostenere che sia un passo in avanti, nel tempo, della storia, uno di quei passi che comportano scelte al bivio e per questo sono storici, nel senso di influenzare in modo determinante i giorni, i mesi e gli anni che ci aspettano.

Si tratta di interpretazioni, nulla di essenziale.

L’essenza di quel voltare, al contrario, è un insegnamento minimalista: nella riduzione della volontà si annida la possibilità di mettere a fuoco ciò che eravamo ed andare oltre, verso il dopo. Verso il fluire del valore che non dipende da un punto di vista, ma si ancora al nostro respiro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...