Minimalismo dal viaggio di nozze alla vita

Qualche post fa, ritornando a scrivere dopo circa un anno, avevo rivelato la ragione della mia lunga assenza su queste pagine: l’incontro della donna della mia vita ed i preparativi per il nostro matrimonio.

Questa volta la pausa è stata più breve, il tempo del matrimonio!

Ed eccomi di nuovo su queste pagine.

Sto scrivendo dal Messico, dove sto trascorrendo il viaggio di nozze con mia moglie: mentre lei prende il sole ed io cerco riparo dallo stesso sotto una palma, mi impegno a tornare a scrivere con regolarità.

Sono giorni di migliaia di foto e tanto tanto tempo sui social: nelle parole in corsivo sta la mia deriva lontano dal minimalismo.

È il momento di tornare in carreggiata. Ora la mia vita è la nostra vita, quindi è fondamentale riprenderne il controllo – per entrambi – dopo una una giusta bellissima ubriacatura di felicità spensierata.

Da un riferimento autorevole del minimalismo internazionale (theminimalists.com), liberamente tradotto da me in italiano:

Il minimalismo è uno stile di vita the aiuta le persone a interrogarsi su quali cose aggiungono davvero valore alla loro vita. Eliminando il disordine dal nostro cammino, possiamo tutti far posto a ciò che realmente è importante: salute, relazioni, passioni, crescere e lasciare un segno.

Vedi, cara lettrice o caro lettore, si tratta di valore.

La cultura occidentale, in cui e per cui viviamo, ci educa ogni giorno a volere di più, trascurando di indicarci ciò che dovremmo volere di più.

Dimenticando quel ciò diventa impossibile anche solo individuare il valore che, volendo sempre di più, cerchiamo di conquistare.

La definizione di minimalismo di cui sopra aiuta a recuperare la lucidità per volere qualcosa, smettendo di volere senza oggetto: nel perseguire quel qualcosa lasceremo il nostro segno.

Stay tuned!